Fontanafredda Barolo DOCG 750 ml

24.99

Barolo Denominazione di Origine Controllata e Garantita

I nostri vini rispecchiano la vera tradizione delle Langhe: l’obiettivo è quello di mantenere intatte le caratteristiche di tipicità dell’uva di origine.

L’immagine è stata scattata al momento dell’inserimento del prodotto sul sito ed è puramente rappresentativa. Ignora eventuali date riportate sulla confezione, per avere conferma della data di vendemmia contattatemi.

Descrizione

Barolo Denominazione di Origine Controllata e Garantita

La vinificazione avviene tramite fermentazione di tipo tradizionale, effettuata in tini di acciaio inox a cappello galleggiante, con una durata media di 10-12 giorni a temperatura controllata (30-31 °C) e con frequenti rimontaggi.
Segue una permanenza del mosto sulle bucce per qualche giorno, per ottimizzare la fase di estrazione delle sostanze polifenoliche e per favorire l’avvio della successiva fermentazione malolattica.
Affinamento: almeno due anni vengono trascorsi nelle grandi botti di rovere (di Slavonia e della Francia centrale). Segue poi l’imbottigliamento e un affinamento in bottiglia che non è mai inferiore ai 12 mesi.

Uva da cui è prodotto: Nebbiolo
Affinamento: 24 mesi in botte – 12 mesi in bottiglia
Temperatura di servizio: 18° C
Terreni: argille marnose e calcaree.
Gradazione alcolica: 13,5% vol.

SCHEDA ORGANOLETTICA
Il frutto del lungo affinamento, grazie soprattutto alle doti naturali di questo prodotto, si sostanzia in un vino ricco di struttura, pieno e robusto, in grado di resistere bene negli anni. Nel calice, il Barolo è vino affascinante sin dal colore, rosso rubino con riflessi granati che, col tempo, si fanno aranciati. Il profumo è netto e intenso, ampio, con sentori tipicamente di fiori appassiti, spezie, foglie secche e sottobosco.

ABBINAMENTI
Ideale l’accostamento a piatti di carni rosse, più o meno importanti a seconda dell’annata, e a formaggi di media o lunga stagionatura, ma può piacevolmente anche accompagnare l’amichevole conversare di fine pasto.

STORIA
Come tutte le cose belle, anche Fontanafredda nasce da una storia d’amore: quello tra Re Vittorio Emanuele II e la Bela Rosin.

1858
La tenuta di Fontanafredda viene acquistata da Vittorio Emanuele II per essere data in dono alla Bela Rosin. Successivamente viene intestata ai figli Maria Vittoria ed Emanuele Alberto Conte di Mirafiori.

1866
Il Re acquista la prima vigna di Barolo da cui nasce il nome “Tenimenti di Barolo e Fontanafredda”.

1870
Inizia la vinificazione nelle cantine di Fontanafredda anche se risale già al 1867 al menzione di un Barolo Fontanafredda.

1878
Il Conte Emanuele Alberto di Mirafiori inizia la sua avventura, con oltre 300 ettari coltivati direttamente da operai salariati specializzati (cosa unica per l’epoca).

1894
Muore Emanuele Alberto di Mirafiori che aveva trasformato il Barolo in un mito. Era stato lui a rendere Fontanafredda un vero e proprio villaggio con una chiesa e una scuola. Gli subentra il giovane secondogenito Gastone.

1918
Sotto la guida del Direttore Cav. Mollo, l’azienda raggiunge la sua massima espansione commerciale e produttiva, con 200 dipendenti e oltre 40 famiglie residenti all’interno della tenuta.

1928
La fillossera, malattia che attacca le radici e le piante, arriva nelle Langhe e distrugge i vigneti.

1929
La grande depressione economica partita dagli USA mette in difficoltà l’azienda.

1931
A causa delle numerose difficoltà le tenute e la cantina vengono vendute per 1.050.500 lire a Monte dei Paschi di Siena, mentre il marchio viene venduto alla famiglia Gancia per 100.000 lire.

2009
Fontanafredda, dopo 70 anni, torna in mani piemontesi.

2017
Fontanafredda viene nominata European Winery of the Year da Wine Enthusiast Magazine.

Informazioni aggiuntive

Peso 1.20 kg
Dimensioni 10.00 × 10.00 × 27.00 cm


Prodotti esclusivi

Prodotti selezionati per te