Piemonte Bonarda TENUTA MONTEFANTINO ML750

7.99

Il Piemonte Bonarda DOC è un’eccellenza della Tenuta Montefantino, che ottiene questo vino rosso dall’omonimo vitigno. La coltivazione richiede attenzioni particolari, ma produce uve che danno vita a un vino apprezzato anche sul mercato internazionale. Il Piemonte Bonarda DOC si abbina perfettamente con i migliori cibi della tradizione gastronomica italiana.

L’immagine è stata scattata al momento dell’inserimento del prodotto sul sito ed è puramente rappresentativa. Ignora eventuali date riportate sulla confezione, per avere conferma della data di vendemmia contattatemi.

Descrizione

Storia e produzione del Piemonte Bonarda
Le origini del Piemonte Bonarda vanno rintracciate nella tradizionale coltivazione dell’omonimo vitigno, presente nelle campagne piemontesi già nei secoli scorsi. In alcuni documenti storici del XVIII secolo si fa riferimento alle virtù del Bonarda, mentre negli ultimi decenni il processo produttivo tende a esaltare al massimo le sue caratteristiche. Tappa finale di questa crescita qualitativa è la denominazione di origine controllata: acquisita nel 1994 e riguardante le province di Cuneo, Alessandria e Asti.

Caratteristiche organolettiche del Piemonte Bonarda
Il Piemonte Bonarda negli anni ha saputo conquistare anche i palati più sofisticati e a farsi valere sul mercato internazionale. Il merito va alla Tenuta Montefantino e alle tante cantine che hanno creduto in questo vino. La caratteristica organolettica principale è il sapore: secco, in parte tannico e con un retrogusto lievemente amarognolo. Fanno parte delle proprietà del Piemonte Bonarda il colore rosso rubino e il profumo intenso che rimanda a sentori speziati quali il pepe nero.

Abbinamenti gastronomici del Piemonte Bonarda
Il Piemonte Bonarda va servito a una temperatura di 18/20 gradi centigradi. A tavola è perfetto in presenza di antipasti caldi e primi ripieni quali agnolotti e tortellini. Non sfigura affatto, tuttavia, accanto ai salumi pregiati e alle carni rosse.

Tradizione: Le origini della famiglia Ghigliano

La Tenuta Montefantino affonda le sue radici nei secoli scorsi, e oggi come ieri produce vini piemontesi all’insegna della qualità. 
Le prime testimonianze scritte della famiglia Ghigliano risalgono alla seconda metà del XVI secolo, quando s’insediò in Montefantino . Nel 1790 la località prese il nome di frazione Ghigliani , come dimostra la lapide ritrovata nella vecchia cantina recentemente ristrutturata. 
La famiglia Ghiglianofin dagli inizi si dedica con passione e dedizione alla coltura della vite. Alla metà del XIX secolo, l’avventura di guerra, che porta avanti fino all’inizio della prima guerra mondiale. Ma i trascorsi agricoli non vennero dimenticati, e la produzione vinicola continuò. 
Il secondo dopoguerra ha segnato uno spartiacque nella storia della famiglia Ghigliano . Negli anni ’50 l’azienda ha intuito le potenzialità della vendita di vini piemontesi , ed ha iniziato un produrne piccole quantità, espandendo poi nel corso di tre generazioni, fino alla produzione attuale.

 

Informazioni aggiuntive

Peso 1.20 kg
Dimensioni 10.00 × 10.00 × 30.00 cm


Prodotti esclusivi

Prodotti selezionati per te